Un corso PON per il futuro: Coding

Quando si frequenta la scuola, che questa sia primaria di primo grado o secondaria di secondo grado, allora sorge sempre la possibilità di frequentare dei corsi, uno tra questi chiamato coding, facente parte di numerosi programmi europei, in numerosi programmi americani, in Australia e addirittura in Giappone. Questo corso è mirato sull’ “introduzione al pensiero computazionale”, ed ha l’obiettivo di proiettare sugli studenti una forte capacita all’auto-risoluzione di problemi.  “Problem solving”, è così che oggi chiamiamo l’attività di sviscerare una complicazione e rispondere con la giusta dose di senso critico, creatività e team work. Oggi, lavorare in un’azienda non prevede solo la competenza in un dato settore, ma richiede la capacità di saper orientarsi in qualsiasi genere di complicazione: probabilmente, un bambino di oggi, farà un lavoro che nemmeno esiste, e come allora aiutarlo? l’unica cosa che possiamo fare è insegnare a pensare nella maniera più efficiente possibile.

Gruppi per l’anno scolastico 2019/2020

Numerose realtà sono intenzionate a portare il corso Coding all’interno delle scuole o nell’informare il pubblico di cosa sia veramente un PON con questa impronta proiettata in avanti. Oltre al corso coding però, si tenta di proiettare i progetti PON verso la robotica, la cittadinanza digitale e soprattutto verso corsi d’inglese che affrontino il problema della lingua con modalità innovative. Docendum offre l’offerta formativa per una scuola smart, capace di vivere l’interazione digitale con coscienze e tranquillità e dove, gioco e divertimento, sappiano coesistere in un contesto tutto didattico.  Questo genere di corsi, prevedono un apprendimento attraverso l’uso di strumentazione digitale  (LIM, notebook, pc e tablet), sia di carattere fisico che di visualizzazione logica, pensati con la finalità di formare basi solide e immediatamente esperibili nell’ambito domestico-familiare e, in futuro, lavorativo.

Il libro: spunto per un chiarimento

Avere dei dubbi su corsi avanzati dal punto di vista della modalità impiegata, è del tutto normale in una società dalla forte impronta tradizionalista ma, Docendum, offre la possibilità di risolvere tutte le preoccupazioni grazie a personalità come Wamole e Digiconsum, autori del libro “Il Coding nella Scuola primaria”. Quest’ultimo risulta essere una guida utile per comprendere come insegnare il coding a bambini di piccola età ed è funzionale anche anche all’acquisizione di tecniche di programmazione, per tutti coloro interessati ad un percorso di auto-formazione, propedeutico all’insegnamento.  Uno strumento utile ed operativo, che desidera fissare i principi basilari del coding, pianificando con cura le attività didattiche. Una lettura chiarisce sempre le idee e, informarsi, significa proiettare le nove generazioni verso scelte consapevoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *