Rubentino: significato del termine affibiato ai tifosi della Juve

Molti possono aver sentito pronunciare il nome “Rubentino”, riferito ai tifodi della Juventus, ma non molti sanno qual’è il suo vero significato e come è nato.

Il significato

La parola “Rubentino” non è altro che un dispregiativo che sta ad indicare i tifosi della Juventus, nel quale si sono unite la parola “rubare” con “juventino”.

Sembra che questo termine sia stato usato anche negli anni Novanta, ma i tifosi delle squadre avversarie abbiano cominciato ad usarlo dopo lo scandalo del 2006, che ha investito i primi dirigenti della società torinese della Juventus.

Lo scandalo di Calciopoli

Nel 2006, vennero intercettate delle telefonate, a cui seguire le dimissioni del presidente della FIGC, Franco Carraro, dal presedente dell’AIA, Tullio Lanese, e dei dirigenti della Juventus, Luciano Moggi, Roberto Bettega e Antonio Giraudo, che ricoprivano, rispettivamente, i ruoli di direttore generale, vicepresidente d’amministrazione ed amministratore delegato.

Questo fatto, non si limitò solo alle dimissione dei dirigente, ma fu denunciato alla procura, che svolse delle indagini. Da queste ultime venne fuori che Luciano Moggi diede vita a un vero e proprio sistema di corruzione, denominato in seguito “sistema Moggi”, con il quale si poteva influire sulla scelta del direttore di gara, in ogni partita.

Da qui, si coinvolsero anche altre società calcistiche, come quelle del Milan, della Fiorentina e della Lazio (le prime società ad essere indagate), che per competere alla pari dovettero entrare nel sistema di corruzione.

Si dovettero istituire molti processi, per smantellare questa struttura criminale e per niente sportiva, in cui vennero coinvolte anche altre procure, che portarono alla squalifica dell’ex direttore generale della Juventus ed altri esponenti di società calcistiche italiane, compresi anche degli arbitri e degli assistenti.

I fatti di “Calciopoli”, nel frattempo, sferrarono un duro colpo al mondo del calcio italiano, proprio nello stesso periodi in cui stavano iniziando i campionati del mondo in Germania, nell’estate del 2006. Lo stesso Marcello Lippi, che si presentava per l’Italia, sembrava dimostrare un pessimo umore, per non parlare dei giocatori delle squadre coinvolte.

A causa dello scandalo, la Juventus fu retrocessa in serie B, ritornandovi sono nel maggio del 2007, il Milan, la Fiorentina e la Lazio vennero penalizzate, la Reggina, alla fine del campionato, si ritrovò all’ottavo posto e venne poi retrocessa anch’essa in serie B. Come loro, subirono delle sanzionature anche altre squadre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *